Pages

log with Fire

WELCOME TO TANZANIA
Tanzanian Community in Rome, Via GIUSEPPE DI VITTORIO 9, 00067 MORLUPO, Rome, Italy -- Sasa Mnaweza kuweka Michango yenu ya mwezi kwenye account ya Jumuiya: Banki ya Posta:Associazione dei Tanzaniani a Roma Acc. Number 000007564174 Codice Fiscale: 97600810580 ---

welcome to Tanzania

TANZANIAN COMMUNITY IN ROME (TZ-RM,) is a community that unites TANZANIANS living in Rome and those living outside of Rome who have read, understood and accepted the content of its Constitution and hence becoming part of the community's family. Tanzanian Community in Rome is a fruit of the well designed ideas, approved by all community members at the Community's First General Meeting held on the 30th January, 2010. It is a non-political, non-religious, non-ethnical and non-gender based kind of organization. It is a community that democratically, accepts and respects different ideas from all its members without any sort of segregation.
Tanzanian Community in Rome counts alot on members monthly contributions in order to keep the community alive.But all in all, it appreciates any sort of contribution from anyone.

Saturday, October 9, 2010

LO STATUTO DELLA COMUNITA' TANZANIANA A ROMA


ART.1: LO STATUTO
Si è costituita con sede in via del Via Gorgona 48, 00139 Roma, un'associazione che assume la denominazione di Jumuiya ya Watanzania Roma- (TZ-RM) - (Associazione dei Tanzaniani a Roma).
Il sito (blog) dell'associazione: www.watanzania-roma.blogspot.com
L’e-mail dell'associazione: watanzaniaroma@yahoo.it
1. La posizione dell'associazione:
L’associazione dei Tanzaniani a Roma è un’associazione senza scopo di lucro. E’ un’associazione non governativa, non politica e non religiosa ma segue la finalità esclusiva di solidarietà sociale.
È un’associazione libera composto dai Tanzaniani che vivono a Roma ma accetta anche quelli che vivono fuori Roma che accettano questo statuto.
ARTICOLO 2 : LO SCOPO
L'Associazione ha lo scopo di:
• raggruppare e unire nell’amicizia, fratellanza e solidarietà i concittadini Tanzaniani che hanno la residenza a Roma e quelli che hanno la residenza fuori Roma.
• Stare insieme per conoscersi e aiutarsi nei vari momenti di gioia e nei dolori, malattia e morte.
• promuovere e valorizzare vari aspetti della cultura Tanzaniana.
• aver un organo puro tanzaniano che può collaborare con altre associazioni Tanzaniane in Italia e altre associazioni Africane di Roma o nelle altre regioni d'Italia creando un ambiente di comuni interessi.
• collaborare con qualsiasi ente governativo e associazioni non governativi che svolgono attività di cooperazione allo sviluppo in favore della popolazione Tanzaniana.
• creare e incoraggiare i connazionali nello stimolo di lavorare per lo sviluppo economico personale o dei gruppi sia qui in Italia sia in Tanzania.
Il compito dell'Associazione.
• Aiutare moralmente e materialmente i membri dell'associazione o le loro famiglie (padre, madre, moglie e figli) nel caso di malattia e di morte.
• Partecipare attivamente ed economicamente nel caso di cui un membro dell'associazione vuole fare la festa di matrimonio, prima comunione, maulidi (festa dedicata alla nascita del profeta Mohammad) e la cresima.
• Nel caso di morte di un membro, l’associazione ha il compito di aiutare a trasportare in Tanzania la salma del defunto se aveva espresso prima di morire, il desiderio di essere sepolto in Tanzania o se avremo la richiesta e conferma dai suoi famigliari di trasportarlo in Tanzania per i funerali.
ART. 3: REGOLE PER AMMISSIONE DEI SOCI
L’associazione accetta:
• Ogni cittadino Tanzaniano (maschio o femmina) che ha compiuto18 anni di età e che abbia la residenza a Roma o nelle altre città d'Italia poiché accetti il presente statuto può far parte della codesta associazione.
• Un cittadino Tanzaniano che lavora fuori dall’Italia e che spera di tornare per lavorare o vivere in Italia può far parte dell’associazione.
• Un cittadino pronto a dare una sua quota mensile all’associazione.
• Un cittadino pronto a rilasciare le sue date personali al consiglio direttivo dell’associazione.
• Un cittadino pronto a dare il suo indirizzo, numero di telefono o luogo di residenza o domicilio in Italia e indirizzo e numero di telefono dei suoi parenti in Tanzania.

ART.4: DURATA DELL'ASSOCIAZIONE E PATRIMONIO
L’Associazione ha durata illimitata
PATRIMONIO
I proventi con cui provvedere alle attività e alla vita dell'Associazione.
sono costituiti:
a. dalle erogazioni e contributi dei soci.
b. dal ricavato derivante da manifestazioni, raccolte fondi e altre attività legali organizzate dall’associazione.

ART. 5: SOCI
Qualsiasi persona che abbia la cittadinanza Tanzaniana dalla nascita oppure dall'acquisto, che vive a Roma o da altre parti dell’Italia, avendo compiuto 18 anni di età e che accetta codesto statuto puo essere un socio.
Sono soci tutte persone fisiche che saranno ammesse a seguito di loro domanda al Consiglio direttivo che deciderà entro 30 giorni.
I soci hanno tutti diritti uguali secondo questo statuto.
L’esercizio dei diritti del socio e l'accesso all’attività sociale sono subordinati all'effettivo versamento della quota associativa determinata annualmente dal Consiglio direttivo e loro partecipazione ai loro vari incontri necessari della associazione.
I soci devono assumere alcune responsabilità, che oltre l'importo delle rispettive quote mensile devono anche partecipare alle assemblee e alle varie attività dell’associazione, salvi quelli che sono molto lontani da Roma.
Ogni socio deve comunicare il suo luogo abitativo, il numero di telefono, e comunicazione di qualche parente in Tanzania.
Uno può perdere il socio in caso di morte o di recesso da notificarsi con una lettera raccomandata al consiglio direttivo e con efficacia dal giorno di ricevimento della stessa; si perde per esclusione deliberata dal Consiglio direttivo in caso di:
i) cessazione della partecipazione alla vita associativa, negligenza nell’esecuzione dei compiti
affidati o mancato pagamento della quota associativa per oltre un'anno.;
ii). violazione delle norme etiche o statutarie;
iii) nel caso di lasciare definitivamente l'Italia.

ART.6 : ORGANI
Sono organi dell’Associazione:
1. ASSEMBLEA DEI SOCI
• L’Assemblea dei soci che si attera nella data stabilita dal il Consiglio direttivo nel mese di Novembre in cui i soci avranno la possibilità di discutere vari aspetti dell'associazione.
2. CONSIGLIO DIRETTIVO
Questo è un organo più alto dell'associazione di pianificazione di tutte le attività dell'associazione prima di portare dinanzi all'assemblea dei soci.
Il consiglio direttivo è composto da:
• Presidente e Vice Presidente.
• Segretario Generale e Vice Segretario Generale.
• Tesoriere
• Due Consiglieri Generali.
I) ASSEMBLEA GENERALE (ASSEMBLEA DEI SOCI)
L'assemblea è composta di tutti i soci, qualunque sia il tempo della loro ammissione e rappresenta l'universalità degli associati e le sue deliberazioni, prese in conformità della legge e del presente statuto,vincola da almeno tre arti dei soci.
Nell’assemblea ogni socio ha un diritto di un voto. Un socio che non sarà presente all'assemblea dei soci non può farsi rappresentare da un altro socio quindi non può avere analogo diritto di voto.
L'assemblea dei soci deve essere convocata ordinariamente almeno una volta all’anno entro il mese di Novembre per l'approvazione del bilancio consuntivo e preventivo e, quando occorra, per la nomina delle cariche sociali.
L'assemblea dei soci può anche essere convocata straordinariamente qualvolta il consiglio direttivo ne ravvisi la necessità o quando ci sarà un evento straordinario. L’assemblee sono convocate con avviso contenente l'indicazione del giorno, del luogo e dell’ora dell’adunanza e l’elenco delle materie da trattare spedito a ogni socio tramite lettera o posta elettronica almeno otto giorni prima della data fissata. L'avviso conterrà anche la data per la seconda convocazione straordinaria.
L’assemblea generale al suo convocazione tratterà i seguenti elementi:
- l’approvazione del bilancio annuale consuntivo e preventivo;
- la nomina del Consiglio direttivo;
- qualsiasi delibera attinente l'Associazione, sarà sottoposta dal consiglio direttivo;
- l’approvazione di regolamenti interni;
- le modifiche dello statuto e dei regolamenti, lo scioglimento dell’associazione, la nomina di uno o più liquidatori e la decisione sulla devoluzione del patrimonio residuato dopo la liquidazione.
Le deliberazioni dell’assemblea sono prese a maggioranza di voti dei presenti e con la presenza di almeno metà degli aventi diritto al voto. In seconda convocazione la deliberazione è valida qualunque sia il numero degli intervenuti. Per le deliberazioni concernenti modifiche dello statuto, lo scioglimento dell’associazione e la devoluzione del patrimonio occorrono la presenza di almeno tre quarti degli aventi diritto al voto e il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
L'Assemblea è presieduta dal Presidente o in sua assenza dal vice Presidente assistito dal segretario.
Delle adunanze si redige un verbale sottoscritto dal Segretario.

ART.7: CONSIGLIO DIRETTIVO
Il consiglio direttivo è composto da
1. Presidente,
2. Vice Presidente,
3. Segretario
4. Vice Segretario,
5. Tesoriere
6. Consiglieri.
Le riunioni del Consiglio sono convocate dal Presidente o in mancanza dal vice Presidente con avviso contenente l'elenco degli argomenti da trattare spedito con lettera, o messaggio di posta elettronica almeno 7 giorni prima o, in caso di urgenza, almeno due giorni prima dell’adunanza. Il Consiglio è inoltre convocato quando ne faccia richiesta almeno un terzo dei Consiglieri in carica. Le riunioni sono presiedute dal Presidente o dal vice Presidente o, in mancanza di questi due anche Segretario può presiedere in caso di urgenza.
Il Consiglio è validamente costituito con la presenza di almeno la metà dei suoi membri e le delibere sono adottate a maggioranza dei presenti.
Il Consiglio Direttivo ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, che non siano riservati espressamente ad altri organi associativi e promuove e organizza l'attività sociale.
Dalle riunioni del Consiglio è redatto un verbale a cura del Segretario e sottoscritto da questi.

IL PRESIDENTE O IL VICE PRESIDENTE
Il Presidente rappresenta legalmente l’Associazione di fronte ai terzi e in giudizio.
È eletto dal Consiglio direttivo tra i suoi membri, dura in carica due anni e può essere rieletto.
Il Presidente presiede l'assemblea, convoca e presiede le riunioni del Consiglio direttivo, cura l’esecuzione delle deliberazioni e, in generale, coordina i lavori dell'Associazione ed esercita i poteri che gli sono delegati dal Consiglio in via generale o di volta in volta. In caso di sua assenza o impedimento le sue funzioni sono svolte dal vice Presidente.

IL SEGRETARIO
Il segretario è eletto dal Consiglio direttivo tra i suoi membri con la durata di carica due anni e può essere riconfermato. Cura l'esecuzione delle delibere del Consiglio, redige e sottoscrive con il Presidente i verbali delle adunanze dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo e assiste il Presidente nello svolgimento delle sue funzioni.

IL TESORIERE
Il tesoriere è custode del patrimonio dell’associazione e l'amministrativa su mandato del Presidente e del Segretario generale. Cura la gestione della cassa dell’Associazione e ne tiene idonea contabilità, controlla la tenuta dei libri contabili, predispone da un punto di vista contabile il bilancio. Oltre al Presidente ha la firma sociale sia per operazioni di ordinaria e straordinaria amministrazione.
LETTO ED APPROVATO DALL'ASSEMBLEA STRAORDINARIA IL (30-01-2010)

No comments:

Post a Comment